Capelli lunghi XXL, la nuova tendenza capelli dell’estate 2014

di Anna Cantarella Commenta

2013_2_AmazingHair_MonteNapoleone_03_700

I capelli lunghi hanno sempre un fascino speciale. Poche sono però le donne coraggiose al punto da lasciarli crescere fino ai fianchi. Del resto non è semplice: le lunghezze XXL richiedono moltissima cura, un tipo di capello perfetto e punte senza un difetto. Detto questo, se anche voi avete intenzione di non tagliare i capelli per i prossimi due anni, lasciatevi tentare da questi meravigliosi tagli di capelli a lunghezza XXL, che mi ricordano tanto la chioma di Jane Seymoure o di Federica Panicucci.

Le lunghezze XXL ricordano molto una moda anni 70, di ispirazione hippie, che voleva chiome selvagge e lunghezze infinite. Avvolti in una mezza coda, con la riga al centro, o semplicemente portati di lato, i capelli lunghissimi hanno un indiscutibile fascino e donano una grande sensualità. Attenzione però, non stanno bene a tutte.

Se non siete molto alte (per intenderci, se non superate il metro e 70) evitate i capelli lunghissimi. La chioma troppo lunga rischia di attozzare la figura mentre i capelli corti o sulle spalle slanciano notevolmente. Un altro problema è la tipologia dei vostri capelli. Se siete abituate ad asciugarli al naturale, lisci o ricci, non avrete problemi perchè anche se lunghissimi i capelli subiranno poco stress. Se invece avete l’abitudine di lisciare i capelli o di fare un brushing sistematico, state molto attente. La spazzola, il phon e la piastra, possono rovinare le punte, possono favorire la presenza delle doppie punte e quindi rendere necessario l’intervento del taglio del parrucchiere. Del resto, è inutile fare crescere i capelli se le punte sono sfilacciate e maltrattate. L’effetto estetico sarebbe orrendo!

Photo Credit| Tupelu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>