leonardo.it

Illuminanti viso: a cosa servono e consigli di utilizzo

 
Lorena Scopelliti
9 aprile 2011
Commenta

Jennifer Lopez illuminante Illuminanti viso: a cosa servono e consigli di utilizzo

Avete presente l’aspetto luminoso, glow e sexy che soprattutto le conduttrici televisive hanno nelle trasmissioni in prima serata o le celebs sfoggiano sui red carpets? Quel focus di luce proprio dove serve, che le rende più solari e conferisce all’intero make up una diversa e migliore resa? Lo si ottiene attraverso gli illuminanti, ovvero quei prodotti make up che servono a “fare uscire” dal viso alcuni angoli e lati altrimenti nascosti e non enfatizzati.

Non perché vengono usati dalle star e dalle celebs dobbiamo pensare che il loro uso sia precluso nel quotidiano o durante il giorno, al contrario: regalare luce al viso, ovviamente applicando alcune tecniche, ci farà apparire più salutari, chic e curate!

Vedremo adesso che tipo di illuminanti esistono in commercio, come applicarli senza errori e con quali scopi soffermandoci su alcuni brands in particolare.

Un solo monito: se avete la pelle grassa che si lucida nelle zona delle guance è preferibile evitarne l’uso, pena accentuare l’odioso difetto. In questo caso se ne consiglia l’uso esclusivamente in polvere e mai troppo shimmer, andandoci molto caute con la quantità.

Compatti in polvere o in crema, sottoforma di texture fluido-gellosa, in pan stick. Avete l’imbarazzo della scelta, a seconda di quale tipo di texture preferite! Il pan stick o il compatto in crema possono essere applicati sfumando con le dita o con il pennello, quelli in povere compatta è preferibile stenderli con un pennello duo fibre, che rilascia la giusta quantità di polvere.

Dove stenderli? Sui punti del viso già di per sè “sporgenti”, come zigomi, parte bombata della fronte, sugli angoli interni della zona superiore del naso, quella parallela agli occhi. L’importante è essere parche nelle quantità: gli illuminanti sono tutti molto shimmer e il loro scopo è creare un punto luce che ci illumini e che definisca anche i volumi, non vogliamo certo sembrare lampadine!  Per le texture in crema procedete a piccoli tocchi, sfumate e in caso aggiungete; per quelle in polvere sfiorate la cialda col pennello, sbattetelo per eliminare l’eccesso e applicate. Partiamo sempre da una minima quantità: nel make up è facile aggiungere, quasi sempre impossibile togliere!!

Personalmente possiedo diversi illuminanti, tutti molto diversi tra loro in fatto di resa e texture. Nars propone Stick multipurpose versatilissimi, più o meno pigmentati (io possiedo Orgasm, che lo è abbastanza): mi piace usarlo abbinato al blush della stessa tonalità, per creare uno studiato volume monocromatico e luminoso. La palette a due con gli highlighter non è altro che il prodotto pressato in polvere cremosa. Quella che utilizzo contiene St.Barth (ideale per fare il contouring) e il famosissimo Copacabana, molto naturale e adatto a tutte le tonalità chiare, medie o scure con sottotono neutro, giallo od olivastro. 

Tra le polveri compatte Mac propone moltissimi illuminanti, davvero molto validi: le polveri non sfarinano e sono abbastanza discrete. Le cialde sono formate di varie sfumature che, mixate col pennello, regalano un risultato molto sofisticato e naturale. Consiglio la tonalità Soft&Gentle, uno champagne delicatissimo che veste bene tutti gli incarnati senza mai risultare artificioso.

La Shimmer Brick Compact di Bobbi Brown (che in Italia è irreperibile, ahinoi), è un highlighter favoloso, costituito da vare strisce di sfumature che partono dalla stessa nuance base. Possiamo decidere se usarle tutte o concentrarci sull parte superiore (più chiara) o quella inferiore (più scura). Il risultato, rispetto a Mac, è di gran lunga più shimmer, molto meno naturale a mio parere, ma pur sempre  molto sofisticato.

Infine: le texture fluide. Una delle migliori sul mercato è Uplight di Make up Forever, un prodotto realmente professionale a partire dalla pigmentazione: se sbagliamo anche di pochissimo la quantità il risultato sarà inguardabile. Ne basta una goccia per diffondere sul viso una luce incomparabile, soffusa e naturale, che si fonde perfettamente con l’incarnato. Il bello di questo prodotto è che parte da una consistenza fluida per poi fissarsi in texture satinata, senza perdere in luminosità.

Potete creare voi stesse il vostro illuminante utilizzando una crema o un gel leggero idratante miscelato con un ombretto panna, crema, beige, bianco, rosa delicato, ocra chiarissimo: risultato glow, estivo, chic e fresco assicurato!

Articoli Correlati
YARPP
I colori dei correttori ed il loro utilizzo

I colori dei correttori ed il loro utilizzo

Nell’uso comune è sicuramente più diffusa l’applicazione del fondotinta rispetto a quella del correttore e questo è dovuto spesso alla convinzione che basti un buon fondo per rendere la base […]

Consigli per la scelta del blush

Consigli per la scelta del blush

  Un make up non è completo senza un tocco di colore sulle guance. Chissà perchè molte saltano questo passaggio o lo trovano superfluo: il blush rende più salutare l’incarnato, […]

Dior Diorskin Poudre Shimmer, pura luce sul viso

Dior Diorskin Poudre Shimmer, pura luce sul viso

Abbiamo spesso parlato degli illuminanti e di come sia elegante e d’effetto applicarli sui punti luce per dare dimensione e radiosità all’incarnato, un gesto semplice e veloce che può impreziosire […]

Drenante, cosa è e a cosa serve

Drenante, cosa è e a cosa serve

Sempre più spesso, specialmente nel periodo che precede l’estate e vede la corsa alla remise en forme, sentiamo parlare di prodotti drenanti. Ma cosa sono esattamente? Dobbiamo distinguere essenzialmente tra […]

Contouring, la tecnica per scolpire ed esaltare i volumi del viso

Contouring, la tecnica per scolpire ed esaltare i volumi del viso

Non tutti hanno la fortuna di nascere con un ovale perfetto, zigomi alti, mento definito, naso sottile e all’insù. Le proporzioni e i volumi del viso simmetrici e regolari sono piuttosto […]