Tendenze make-up estate 2017: gli ombretti wet

di Anna Cantarella Commenta

L’ombretto effetto bagnato – detto anche ombretto wet – l’ultimissima novità in fatto di make-up. Si tratta di un particolare tipo di ombretti che una volta stesi sulla palpebra illuminano gli occhi con la loro lucentezza a specchio, quasi come avere gli occhi bagnati. Applicarlo per bene è un po’ impegnativo e la cosa più complessa è evitare che l’ombretto vada a finire nelle pieghe dell’occhio.

Ombretto bagnato come si fa

Abbiamo cercato consiglio dalle più esperte e alla fine abbiamo trovato un’interessante idea di Clio Make-Up. Il suo suggerimento è di utilizzare un ombretto metallizzato molto luminoso e poi applicare un gloss in crema per gli occhi, praticamente un lucido come quello per le labbra pensato però per essere applicato sull’occhio. Un’alternativa più economica può essere applicare la vaselina sulle palpebre sopra l’ombretto per trasformare subito il look in uno splendido effetto wet.

Ombretto effetto bagnato trasparente

Il problema di utilizzare un gloss per occhi o la vaselina sull’ombretto è che l’effetto dura veramente poco e poi si cominciano a formare quelle piccole crepe che permettono all’ombretto di infilarsi nelle piegoline dell’occhio. Per evitare questo inestetismo, che fa apparire il trucco rovinato, si può applicare la vaselina direttamente sulla palpebra senza ombretto per un ombretto effetto bagnato trasparente. Un velo di mascara – facendo attenzione a non sporcare la palpebra – e il make up wet naturale è completo.

Ombretti effetto metallico

Anche gli ombretti effetto metallico possono essere molto utili, se applicati bene, per riprodurre una specie di effetto bagnato simile a quello dell’ombretto wet. Basta applicare questi prodotti sono il alcuni punti della palpebra, per dare luce all’interno dell’occhio e creare l’effetto gocciolina d’acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>