Tendenze tagli capelli 2018, il blunt cut

di Anna Cantarella Commenta

Per molte stagioni abbiamo portato i capelli scalati ma le tendenze tagli capelli 2018 invertono la rotta. Dall’America arriva il blunt cut, il taglio dritto, la prossima acconciatura da adottare per il taglio di capelli lunghezza media.

Dall’inglese “blunt” significa diretto e “cut” vuol dire tagliare, quindi il nuovo stile in voga negli USA è un taglio retto realizzato con precisione dal parrucchiere che crea un perimetro preciso e dei bordi puliti con un colpo netto di forbici.

COME SCEGLIERE UN TAGLIO A CASCHETTO

Le punte sono ben allineate e non c’è nessun tipo di scalatura. La pettinatura così assume un’aria grafica ed essenziale, un look abbastanza serio che ricorda uno stile “brava ragazza” con le sue linee rigorose e minimaliste. Resta pur sempre un taglio molto femminile, adatto a tutti i tipi di volto e soprattutto molto versatile: un’ottima alternatia pr chi è sempre indeciso tra i capelli lunghi e il caschetto.

TENDENZE TAGLI CAPELLI: IL TAGLIO DRITTO LUNGO

A differenza di altri tagli di capelli, il blunt cut si può portare su qualsiasi tipo di capello naturale. Sui capelli lisci dona un tocco di carattere e di volume, ai ricci dona struttura e audacia. L’unica attenzione va riservata alle chiome molto folte che potrebbero rischiare di apparire un po’ disordinate, perchè generalmente questo tipo di capelli si valorizzano con tagli scalati e sfoltiti. Sui capelli fini invece è il taglio ideale per dare movimento e volume.

SHAGGY, IL TAGLIO CORTO DELL’ESTATE 2017

E la cosa più bella è che il blunt cut si può adattare a qualsiasi lunghezza. Se non volete rinunciare ai vostri capelli lunghissimi potete solo regolare le punte ma il blunt cut si adatta anche alle lunghezze medie o al carrè ultracorto purchè tutti questi tagli siano drittissimi. Insomma potrete scegliere voi il vostro blunt cut su misura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>