Drenante, cosa è e a cosa serve

di Sara M. 2

come funziona drenante

Sempre più spesso, specialmente nel periodo che precede l’estate e vede la corsa alla remise en forme, sentiamo parlare di prodotti drenanti. Ma cosa sono esattamente? Dobbiamo distinguere essenzialmente tra due forme di drenanti, per uso esterno e per uso interno. Si riferiscono ad un uso esterno, naturalmente, tutti i prodotti che si applicano localmente sulle parti da trattare, effettuando anche uno speciale massaggio che aiuta il drenaggio linfatico e dunque l’eliminazione dei liquidi in eccesso.

Se parliamo invece di drenanti ad uso interno ci riferiamo a tutte quelle preparazioni a base acquosa che si consumano nell’arco della giornata per favorire la diuresi e, con l’aiuto di una o più droghe specifiche, aiutano a smaltire i liquidi in eccesso, dal di dentro. Sono tante le erbe officianali note alla scienza cosmetica per il loro effetto diuretico e drenante e dunque i prodotti in commercio si possono differenziare moltissimo tra loro, offrendo una vasta scelta ma al tempo stesso confondendoci inevitabilmente le idee.

Come agiscono? Lo scopo principale naturalmente è quello di smaltire i liquidi che ristagnano e dunque ci fanno sentire più gonfie e appesantite. Nel caso di prodotti da applicare sulla pelle tuttavia la semplice azione dei principi attivi di un olio o di una crema drenante con i medesimi effetti non sarebbe sufficientemente efficace. È dunque necessario prendersi qualche minuto di tempo per massaggiare con cura il prodotto fino a completo assorbimento o addirittura imparare i movimenti di un massaggio drenante fai da te che favorisca il procedimento.

Nel caso dei prodotti da assumere per via orale invece abbiamo due scelte: optare per un’alimentazione che preveda cibi molto ricchi di acqua che favoriscano naturalmente la diuresi, oltre che curare al massimo l’idratazione e svolgere un po’ di attività fisica che aiuti l’intero processo. Altrimenti ci si può rivolgere, con tutte le accortezze del caso, a preparazioni erboristiche già pronte che offrono la possibilità di diluire nell’arco della giornata una certa quantità di prodotto drenante da assumere per stimolare la diuresi e dunque la pulizia interna da tossine e liquidi stagnanti.

Photo Credit | gaelx su Flickr

Commenti (2)

  1. Ritengo che questo articolo sia impreciso, inutile e fuorviante.
    Impreciso perchè non elenca nemmeno una sostanza che esemplifichi le due attività(?) presentate, inutile perchè non dà alcuna informazione, e fuorviante per la evidente confusione tra drenante e diuretico che non sono assolutamente la stessa cosa. Per diuretico si intende un processo che mira ad interferire sul controllo della pressione, impedendo il riassorbimento di acqua a livello renale. Un drenante serve in teoria a mobilitare l’acqua extracellulare, anche se in pratica non esiste in farmacologia (Goodman&Gilman? Katzung?) una descrizione in tale merito. Se mi sbaglio scrivete qui sotto i riferimenti bibliografici che contestino quanto ho detto.
    Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>