Malika Ayane a Sanremo 2013: bionda e grintosa!

di Redazione Commenta

Dai capelli al matrimonio, nell’ultimo anno Malika Ayane ha decisamente stravolto la sua vita. E se è vero che dietro il cambio di look di una donna c’è sempre una rivoluzione, Malika Ayane ha molto da raccontare. Lo ha fatto in un’intervista al settimanale GIOIA, nella quale ha spiegato il perché della suo “colpo di testa”:«forse da una bionda ci si aspetta meno». Le donne lo sanno bene che una chioma bionda in stile Marilyn può avere un grande fascino e, non a caso, le tendenze 2013 vedono i capelli biondi tra i look più glamour, dal biondo dorato al biondo polare. Non sappiamo se è vero che “gli uomini preferiscono le bionde” ma Malika Ayane assicura che da quando ha cambiato il colore dei capelli, se inchioda l’auto malamente ad un incrocio, nessuno suona il clacson per rimproverarla.

Forse si tratta in parte di uno stereotipo – quella convinzione comune per cui le bionde sono più leggere, più frivole e quindi meno argute – ma a Malika Ayane sembra non dare molto fastidio. Tutt’altro.

Essere bionda è deresponsabilizzante. Una volta un amico mi ha detto: «Se hai una vita sola, giocatela da bionda. Che non vuol dire, poi, non fare le cose. Da bionda ho preso in mano dall’inizio alla fine le redini del mio ultimo album, anche come produttrice. Scrivo in modo più rilassato, riesco ad andare al Festival senza stress, ad affrontare un servizio fotografico senza crisi isteriche. In effetti non ci sta che una bionda sia musona o depressa, dunque sono obbligata a sorridere di più rispetto a prima».

Dunque il cambio di look le ha migliorato l’umore: da bionda Malika Ayane sorride di più e non ha paura dell’imminente Festival di Sanremo 2013, non solo perchè i bookmakers inglesi la danno per favorita ma soprattutto perchè è convinta che l’unica sfida che conta è quella con se stessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>