Sanremo 2017: i migliori e i peggiori look della prima serata

di Anna Cantarella Commenta

Sul palco dell’Ariston prende il via la 67esima edizione del Festival di Sanremo e noi siamo qui a commentare senza pietà abiti e look di cantanti e presentatori. La prima serata ha visto le esibizioni dei primi 11 big in gara e anche dei loro abiti, alcuni più azzeccati di alti.

I migliori look della prima serata di Sanremo 2017

Il primo posto assoluto va a Queen Mary, regina del palco e regina di eleganza. Splendida e luccicante nel suo abito nero lungo firmato da Riccardo Tisci, leggermente trasparente sulle gambe. Anche l’abito bianco longette con frange di cristalli era azzeccatissimo. Il taglio di capelli è sempre quello, il trucco pure ma forse in questo caso sono stati accentuati i colori dello smokey eyes in occasione della serata importante e anche per enfatizzare gli occhi dietro le lenti degli occhiali. Per Maria De Filippi non abbiamo voti da dare: merita quantomeno la lode!

Promossa pure Elodie che vestiva Etro e che con il suo capello corto in rosa pastello è la quintessenza dell’eleganza e del trendy. Ma attenzione: non pensate di poterla imitare facilmente. Elodie ha uno stile e una personalità che ben si adattano a un look come questo. Le comuni mortali coi capelli rosa invece sembrano alle prese con un parrucchiere incapace che ha sbagliato la tinta.

Carinissimi gli chignon di Paola Cortellesi e di Carmen Consoli. Del resto con il raccolto spettinato non si sbaglia mai: è sempre super chic.

I peggiori look della prima serata di Sanremo 2017

I bocciati sono senza dubbio Fabrizio Moro, che pare avere un parrucchino e invece sono capelli veri, e Albano con i capelli nero corvino e le basette bianche. Per lui sarebbe ora di scegliere un look più naturale, e magari cambiare il colore della tintura.

Photo Credit| RAI via Youtube

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>