Provato per voi: smalto Milky di Mavala

di Giada Aramu Commenta

Come abbiamo già avuto modo di annunciarvi, il colore protagonista di quest’anno sarà sicuramente l’arancione offerto nella sua tonalità più trendy, cioé il tangerine tango (una combinazione di arancione e rosso), o in numerose sfumature più chiare o scure, a seconda dei gusti di chi sceglie il prodotto. Per offrire qualche variante a tutte coloro che non apprezzano particolarmente il colore arancione, abbiamo pensato di inserire nel nostro Provato per voi di oggi una sfumatura molto delicata, perfetta per chi non vuole abbandonare il rosa ma sceglie comunque di rispettare gli ultimi trend. Il colore che vedete in apertura al nostro post è il Milky ed è prodotto da Mavala, marchio cosmetico specializzato in smalti e cura delle unghie.

Nonostante il nome che può trarre in inganno, lo smalto Milky di Mavala si presenta come un romantico color pesca reso più scuro da una leggera punta di rosso che riscalda la tonalità finale donando sia alle carnagioni chiare che a quelle scure. Il colore è abbastanza coprente ma se preferite l’effetto matt vi consigliamo di stendere il colore due volte. Lo smalto risulta essere molto brillante e di buona durata: il colore ha infatti dato i primi cenni di sbiadimento solo dopo una settimana dalla sua stesura, una tenuta prolungata grazie anche all’applicazione di un asciugasmalto spray e di un top coat brillante che ha donato una nuova luce allo smalto.

Il colore Milky di Mavala guadagna ottime recensioni e si candida come sostituto ideale di stagione: molto buono per chi non riesce ad abbandonare i toni del pesca ma non si sente ancora pronta a sfoggiare una tonalità aranciata e molto accesa. Il colore fa parte della scorsa stagione ma è ormai entrato a pieno titolo nei classici del marchio Mavala, uno dei marchi più economici e ottimo per il rapporto qualità prezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>