Amy Winehouse, antidiva dai make up eccentrici

di Redazione 1

Ci sono diversi modi per salutare una persona che ci lascia, soprattutto se si tratta di una grande artista dalla voce di rara potenza e bellezza e dal talento praticamente illimitato: le sue canzoni soul, certamente, dai versi spesso strugenti e quasi profetici di quanto è accaduto; il suo look estremo e sovente scandaloso, studiato appositamente dagli addetti all’immagine e parte integrante del suo personaggio borderline.

Noi di Le Shampiste vogliamo ricordarla parlando di uno dei tratti distintivi che la rendeva un personaggio fuori dagli schemi: il make up che utilizzava faceva parte di questa strategia di comunicazione e puntava tutto sull’eccesso e sul fuori misura. Il look Cinquanta portato alle sue estreme conseguenze, con la riga di eyeliner e il lipstick rosso o le labbra nude.

Amy aveva una carnagione calda e particolarmente luminosa: nelle serate ufficiali in cui era truccata ad arte i make up artist sottolineavano al massimo questo lato del suo aspetto, utilizzando highlighter champagne. Nel video di Rehab è evidente questa tecnica, che su di lei aveva uno strepitoso risultato: i truccatori hanno messo in evidenza  l’incarnato utilizzando un illuminante cipria dorato sullo zigomo, creando un punto luce radioso e tridimensionale.

Per realizzare il trucco occhi Amy faceva un uso  abbondante dell’eyeliner, dalla riga volutamente molto spessa, allungata verso l’alto a formare una coda evidente e dal colore nero carbone, ma molto lucido. Se vi piace questo risultato glossy gli eyeliner in gel sono perfetti per questo scopo. L’effetto era quasi cartoonistico e rendeva i suoi bellissimi e rotondi occhi verdi ancora più grandi e profondi. La rima inferiore veniva lasciata sempre nuda, al massimo allargava ancor di più l’occhio con una matita color carne all’interno e con un filo di nero sfumato sulla rima inferiore.

Le labbra, per seguire lo stile anni Cinquanta, erano a volte rosso rubino, molto più spesso venivano lasciate nude e naturali. La bocca carnosa di Amy veniva egualmente messa in risalto, ma con il red lipstick il look acquistava un aspetto molto glamour, con il solo lipgloss nude era più naturale e sensuale.

 

 

Commenti (1)

  1. amo gli occhi bistrati anni ’60, Amy era incantevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>