Il nuovo biondo di Jean Louis David si chiama Arctic Light Extreme

di Anna Cantarella Commenta

Arctic Light Extreme porta all'estremo il concetto di biondo con una nuova tonalità glaciale e ricca di riflessi.

L’arrivo dell’estate vi invoglia a scegliere colori più chiari per i vostri capelli? Con la nuova colorazione Arctic Light Extreme il biondo chiaro ha vita nuova grazie all’innovativo servizio di Jean Louis David che vi permetterà di sfoggiare capelli biondi luminosissimi, con riflessi freddi e intensi distribuiti su tutta la chioma.

Dopo Arctic Light, Arctic Light Extreme è una nuova tonalità di biondo che mescola riflessi freddi e chiari su tutta la testa, che si intensificano in un biondo platino sui capelli davanti, portando all’estremo il concetto dei capelli chiari. Le radici invece restano naturali per dare profondità al colore e donare un effetto elegante di naturalezza a tutti i capelli. Unico accorgimento: potete adottare Arctic Light solo se partite da una base già bionda, naturale o tinta.

Il trend del superbiondo, biondo platino o biondo bebè ha impazzato per tutto il 2016 ma la prossima stagione autunnale 2017 vedrà il deciso ritorno del biondo bianco, o biondo polare, una tonalità ancora più chiara e gelida che può diventare movimentata con l’aggiunta dei riflessi e dei contrasti che aiutano il colore ad apparire tridimensionale.

Se avete voglia di provare il biondo giusto per la vostra carnagione ma non volete restare legate al biondo artico, sappiate che Arctic Light Extreme è il colore adatto perchè si tratta di una tinta temporanea che si elimina man mano che si lavano i capelli. Per ravvivarla vi basterà prendere appuntamento dal parruchiere ogni 6 settimane circa, mentre per mantere il colore sempre vivo e brillante – soprattutto in estate – vi aiuteranno molto i prodotti specifici per capelli colorati.

Photo Credit| Tupelu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>