Denti più bianchi con il rossetto giusto!

di Redazione Commenta

Ragionare sul rossetto giusto per i propri denti dovrebbe essere parte di una buona strategia make up! Per fare apparire più brillanti i denti, però, bisogna aver chiaro in mente quali sono le tonalità giuste e quali le nuance da evitare assolutamente. Scopriamole insieme!

Mac Ruby Woo

Iniziamo dicendo che, naturalmente, il sorriso bianco non è sempre un dono di natura ed è necessario, una volta all’anno o un paio di volte (a seconda del tipo di smalto che possediamo), ricorrere a una buona pulizia dei denti dal dentista. Utilizzare un dentifricio apposito, ogni giorno, è un altro passo obbligatorio. Per non risultare troppo aggressivi con le gengive evitate i trattamenti sbiancanti, se non dopo consiglio con il medico e, in ogni caso, ricorrete in modo sporadico ad essi.

Lato rossetti, tenete a mente che è il colore blu e il sottotono freddo a farli apparire più bianchi. Esistono dei gloss appositi, come California Kissin’ di Benefit, concepiti per essere utilizzati sopra qualunque rossetto e aggiungergli il sottotono blu responsabile dell’effetto ottico denti bianchi. Se amate i rossi e la vostra dentatura non è bianchissima, evitate quelli a sottotono caldo e aranciato. Per farvi un’idea, il rosso con sottotono blu per antonomasia è Ruby Woo di Mac: ha il potere magico di far diventare il vostro sorriso brillante e sano!

Anche i fucsia e i nude seguono lo stesso principio: meglio un fucsia fluo e vivido di uno più smorzato, caldo e spento. I nude hanno maggiori complicazioni, perché oltre a fare spesso apparire i denti più beige, tendono a invecchiare i lineamenti se non scelti con cura. Su tutti, sono da evitare i toni beige caldo e i pesca. In linea generale mettete da parte tutti i rossetti che contengono particelle frost, soprattutto dorate, perché otterrete l’effetto contrario al bianco sui denti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>