Physiogel e i consigli per una detersione perfetta e delicata

di Lorena Scopelliti Commenta

Non c’è crema prodigiosa che possa fare miracoli e tutti noi lo sappiamo perfettamente. Ma lo sbaglio più grande è sottovalutare il passaggio della detersione, uno step spesso trascurato o non eseguito come si dovrebbe, pensando che poi la crema possa risolvere tutto. Niente di più sbagliato! Physiogel e l’incontro con la dermatologa Adele Sparavigna è servito ad accrescere questa consapevolezza. 

L’acqua è nostra amica, ma spesso si trasforma in un’insospettabile nemica della nostra pelle: chiaramente non bisogna esagerare nell’attenzione rispetto a questi fattori, ma chi ha una pelle particolarmente sensibile e reattiva dovrebbe stare alla larga dall’acqua del rubinetto, soprattutto quando quest’ultima è caratterizzata da particolare durezza e ha un elevato grado di calcare. Meglio prediligere formule senza risciacquo, come le acque micellari. Per il corpo, perfetta la Base Lavante Corpo e capelli di Physiogel, che deterge con delicatezza e rispetta anche le pelli più sensibili.

Un errore da non commettere, se si ha la pelle mista e/o grassa, è quello di affrontare la detersione con prodotti molto aggressivi, utilizzando magari saponi allo zolfo o dalle proprietà astringenti accentuate: meglio un gel delicato (il gel ingloba le impurità meglio del latte detergente o dell’acqua micellare), ma senza esagerare con l’azione sgrassante. In questo caso, infatti, è dietro l’angolo l’effetto rebound, che accentuerebbe, nel tempo, il problema originario.

Per asciugare il viso dopo la detersione è fondamentalmente sbagliato utilizzare e normali spugne: è preferibile tamponare (mai sfregare!) la pelle con un pannetto o una salvietta liscia, in modo da non traumatizzare la pelle. Esfolianti e gommage sono ammessi, sempre in un’ottica di moderazione e delicatezza: eliminare le cellule morte è un passaggio cruciale per avere un viso splendente, ma mai esagerare con i rimedi casalinghi usando, ad esempio, zucchero, sale o bicarbonato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>