Provato per voi: shampoo Lavera latte di rose

di Redazione Commenta

Avvicinarsi all’ecobio può essere una scelta consapevole e informata, ma ciò non toglie che non sia sempre facile, almeno all’inizio, orientarsi nella selezione dei prodotti, capire quali possano fare al caso nostro e analizzare le formule per accertarsi che non siano presenti nell’INCI sostanze che contraddicono la filosofia dei prodotti ecologici e biologici.

Me ne sono resa conto in prima persona nel processo che mi ha portato a prendermi cura dei miei capelli riducendo moltissimo il numero di prodotti che usavo e mettendo a punto una hair routine efficace ma striminzita. Perché ci si accorge in fondo che i capelli spesso non hanno davvero bisogno di tutto quello con cui li si impiastriccia. Uno degli shampoo con cui mi sono trovata meglio è oggetto della nostra rubrica provato per voi. Si tratta dello shampoo Lavera al latte di rose per capelli secchi e sfibrati.

La confezione da 250 ml si presenta in un flacone marrone scuro che preserva dalla luce il prodotto all’interno, cremoso e consistente. Va infatti diluito, come tutti gli shampoo e in particolare quelli ecobio. In questo modo la sua durata si allunga moltissimo pur senza comprometterne l’efficacia d’uso.

Io uso un beccuccio da tintura, nel quale diluisco la quantità di shampoo con semplice acqua preparando la mistura sul momento e procedendo a fare due lavaggi consecutivi. Lo shampoo in questo modo produrrà più schiuma ma tenete conto del fatto che rispetto ai prodotti con tensioattivi più aggressivi gli shampoo ecobio producono meno schiuma ma non sono meno efficaci.

La profumazione è molto gradevole, di rosa ma non in maniera troppo invadente, attenuata da un retrogusto leggermente acidulo e agrumato. È comunque una profumazione molto delicata che non rimane a lungo sui capelli. La chioma dopo il lavaggio risulta leggera, pulita e lucida. Nel mio caso, nonostante abbia capelli molto lunghi, non trovo necessario neanche usare il balsamo. Lavera produce anche un balsamo in crema da abbinarvi, comunque, se si volesse mantenersi fedeli alla stessa linea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>