Un rimedio brasiliano per domare i ricci che sta impazzando ad Hollywood

di Federica Perrozziello 4

I capelli ricci da sempre hanno un fascino unico e assolutamente carico di sensualità, selvaggi e sbarazzini si distinguono inevitabilmente facendo sempre la loro figura. Ma nonostante il look selvaggio sembri così accattivante, anche perché potrebbe sembrare molto semplice da realizzare, mettendo da parte phon, pettine e balsamo, non è affatto così perché purtroppo i capelli ricci, spesso si trasformano in una massa informe e stopposa difficile da domare. Così i prodotti utili per modellare i ricci sono obbligatori per chi non vuole trasformarsi in un barboncino spelacchiato.

Una delle cause più frequenti che comporta questi scompensi è proprio l’umidità. Così, ecco un rimedio che viene direttamente dal brasile e che potrebbe essere d’aiuto a tutte le donne che si ritrovano spesso con “un diavolo per capello”.  Si tratta di un trattamento al silicone “brasiliano” che grazie alle capacità della cheratina e del collagene il capello viene ricoperto da una pellicola protettiva che ripara dall’umidità e riesce a conferire una effetto ben controllato e sano, alle ciocche per circa quattro mesi.

Questo metodo sta impazzando negli USA, soprattutto nel jet set internazionale, infatti moltissime star di Hollywood ne fanno uso già da molto tempo come Halle Berry o Jennifer Aniston. Il contenuto di questo prodotto è ancora sconosciuto e questo desta alcuni dubbi, ma il suo risultato è davvero unico ed eccezionale, un vero e proprio miracolo della “natura”. Questo miracoloso mix di ingredienti, riesce a conferire non solo un effetto ben definito ai ricci capricciosi ma difende anche i capelli lisci che tendono spesso al crespo. Aspettiamo con ansia il suo arrivo in Italia in modo da tenere a bada anche le più indomabili delle teste.

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>