Plopping: come farlo al meglio per avere ricci perfetti

di Pinella Commenta

Scopriamo insieme come fare il plopping utilizzando i giusti prodotti per capelli ricci, per ottenere una capigliatura perfetta, a prova di crespo.

Avere una testa leonina è al contempo dono e maledizione; sono tante le donne che invidiano chi può vantare una capigliatura fatta di ricci naturali e morbidissimi boccoli, ma certo non sanno cosa significhi dover gestire quella massa di capelli che, dopo ogni lavaggio, necessita di essere domata con lozioni e diffusore.

plopping

Per fortuna i metodi che permettono di asciugare i capelli ricci in modo perfetto senza dover ricorrere ogni volta a dei professionisti non mancano e, tra questi, ve n’è anche uno che non richiede nemmeno l’utilizzo del phon. Stiamo parlando del plopping, un sistema che permette di asciugare i capelli ricci, ma anche quelli mossi, usando solo un asciugamano o un tessuto di cotone e dei prodotti per capelli ricci. Verso la fine dell’asciugatura, se proprio non se ne riesce a fare a meno, si può utilizzare il diffusore, ma con il plopping non è un passaggio obbligato.

Perché asciugare i capelli ricci con il plopping

Il plopping offre indiscussi vantaggi per quanto riguarda l’asciugatura dei capelli ricci tendenti al crespo. Trattandosi di un’asciugatura lenta e naturale che, almeno nelle fasi iniziali, non prevede l’utilizzo di phon e diffusore, aiuta la capigliatura a mantenere il giusto livello di idratazione e riduce lo stress connesso ad asciugature rapide e meccaniche.

L’asciugamano assorbe sia l’acqua sia l’eccesso del prodotto per capelli ricci applicato sui capelli, permettendo di ottenere con pochissimo sforzo una chioma voluminosa e lucente, con ricci ordinati e ben definiti.

Come asciugare i capelli con il plopping

Dopo aver lavato i capelli nel modo consueto, utilizzando un buono shampoo adatto ai capelli ricci, dovrete tamponare l’eccesso di acqua con un asciugamano e poi mettere il prodotto per lo styling adatto al vostro tipo di capelli.

Fatto questo, prendete un asciugamano oppure una maglietta di cotone e stendetela sul letto o su un’altra superficie piana. Piegatevi in avanti e fate in modo che le punte dei capelli poggino sul tessuto, quindi abbassatevi fino a toccarlo con la nuca, lasciando che i capelli si pieghino sotto di essa in modo naturale.

A questo punto dovete avvolgere l’asciugamano o la maglietta attorno alla nuca in modo da formare un turbante. Afferrate quindi le estremità dell’asciugamano, coprite la nuca e la parte anteriore, quindi arrotolate i due lati e avvolgeteli intorno alla testa; annodate bene e assicuratevi che l’asciugamano sia sistemato alla perfezione e non rischi di cadere o di sfilarsi.

L’asciugatura

Ora non dovete fare altro che attendere che i capelli si asciughino, parzialmente o totalmente. Se non avete molto tempo a disposizione, potete tenere l’asciugamano sul capo per una trentina di minuti, quindi toglierlo e terminare l’asciugatura con il phon. Questo è però il tempo minimo, trascorso il quale i capelli saranno ancora parecchio bagnati.

L’ideale sarebbe tenere i capelli coperti per almeno due o tre ore, così da dare loro il tempo di asciugarsi il più possibile; qualcuno lo tiene addirittura tutta la notte. In ogni caso, tolto l’asciugamano i capelli potrebbero risultare ancora un po’ umidi. Potete lasciarli asciugare all’aria oppure, se preferite, usare brevemente il diffusore per terminare l’asciugatura, regalando un maggiore volume alla chioma.

Come usare il diffusore

Per aumentare il volume della vostra capigliatura e regalarvi una vera testa da vere leonesse, dovrete procedere con l’asciugatura a testa in giù, partendo dalla cute.

Nel caso in cui desideraste invece una testa meno voluminosa, asciugate i capelli sempre partendo dalla cute, ma senza posizionarvi con la testa in giù.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>