Truccati come una cattiva: il Make up di Meryl Streep ne Il Diavolo veste Prada vs Crudelia De Mon

di Redazione 2

http://www.youtube.com/watch?v=OGca9MnPMlU&feature=related

Ci avete fatto caso? Mettete una parrucca bilocore in testa a Meryl Streep alias Miranda Priestley, la direttrice severa e temuta del giornale glam Runaway de Il Diavolo veste Prada: otterrete Glenn Close, malvagia e terribile Crudelia Demon ne La Carica dei 101.  Stesso portamento, stessa sicurezza di sè, stesso modo di strapazzare gli altri. Al loro arrivo tutti fremono e tremono, si nascondono, scappano. Miranda è semplicemente Crudelia dopo varie sedute psicoanalitiche per tenere a bada la propria rabbia; più controllata e fredda, spogliata della sua carica esplosiva e distruttiva, ma ugualmente letale.  Identiche anche le scene in cui le due cattivone scendono dall’automobile per recarsi in ufficio: due mirabili sequenze in cui, senza neppure vederle in viso, capiamo fin da subito che la pasta di cui sono fatte non è certo morbida.

Mi piacciono entrambe le versioni, ma Crudelia è la vera anima che brucia dentro la controllata e perfetta Miranda, che non si cura di applicare la benché minima regola di self control: è la cattiva più sexy, irriverente e cool che si sia mai vista. La cattiveria si esplicita anche nella scelta del make up: seguite queste piccole dritte, se vi piacerebbe uscire di casa pensando “di far l’effetto di un demonio”!

Partiamo dalla controllata, glaciale e misurata Miranda: tutta apparenza, in realtà lei vorrebbe far fuoco e fiamme come la sua gemmella separata alla nascita Crudelia!

La base è levigata, chiara e omogenea: scegliete un fondotinta satinato. Come blush optate per una sfumatura il più possibile discreta e soft, come il pesca o l’albicocca. Sulle labbra niente gloss: usate un lipstick matte rosa naturale o color carne. Il make up degli occhi ricalca la sfumatura fredda e grigio platino dei capelli: stendete a tutta palpebra un grigio ghiaccio matte, arrivando fino all’arcata sopracciliare. Create una riga di matita sulla rima superiore degli occhi, stando bene attente che sia il più possibile sottile e precisa. Potete anche usare un eyeliner, ma non tiratelo verso l’alto, fate in modo che segua il contorno dell’occhio. Sull’angolo esterno sfumate un grigio fumo di media intensità, sempre opaco: tiratelo fino alla metà della palpebra e sfumate con movimenti semicircolari, insistendo nella piega che si forma tra la parte mobile e l’osso all’altezza delle sopracciglia. La rima inferiore dell’occhio deve rimanere piuttosto nuda: potete al massimo applicare all’interno una matita nude per allargare lo sguardo e applicare con un pennello piatto l’ombretto grigio medio sulla rima inferiore. Mascara in abbondanza per finire.

Crudelia De Mon fa esplodere la rabbia controllata di Miranda: ombretto rame intenso, saturo e opaco su tutta la palpebra, steso in modo omogeneo e monocromatico, tratto di eyeliner spesso e geometrico tirato sia sulla parte superiore dell’occhio sia su quella inferiore. Qui la riga dev’essere dritta, non seguite la curva naturale dell’occhio, uscite fuori a formare quasi un angolo acuto con la parte esterna e superiore. Sfumate un ombretto color marrone scuro nell’angolo esterno della palpebra, ma in modo soft: l’effetto finale dovrà risultare praticamente monocromatico. Le sopracciglia sono ad arco, abbastanza spesse ed esageratemente delineate: optate per una soluzione discreta in merito, che renderà il tutto molto meno vistoso.

La base è bianca e matte: se avete la carnagione chiara potrete enfatizzarla stendendo una quantità un po’ più abbondante di polvere libera fissativa. Il mio consiglio è di mantenere l’incarnato naturale, senza forzare la tonalità: questo make up, se privato delle componenti iperboliche (base ultra opaca e bianca, sopracciglia arcuate e nere, matita labbra stesa oltre la linea naturale del contorno), è portabilissimo e davvero vincente per una serata speciale.

Per finire, labbra color fuoco: Russian Red di Mac è un lipstick opaco e a lunga durata, dai sottotoni ben bilanciati (ma con predominanza di blu); stendetelo dopo aver delineato il contorno labbra con una natita di mezzo tono più scuro. Blush discreto color pesca, appena accennato sulle guance.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>